Let's Blog!

Visitatori Totali

dal 01.Gen.2007
Data: 07.Aug.2022
Visitatori: 152.841.838

Chi è online

unfilodi su ravelry

Calcolatori Knitting Online

Lucia Liljegren
Knitting Calculators by Lucia Liljegren

Knitting Daily
Waist Shaping by Knitting Daily

RubaBottoni

rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
rubami
vintage-blogs
I colori della Sicilia PDF Stampa E-mail
Scritto da Maria Luisa   
domenica 04 settembre 2011
I colori della Sicilia Premessa: non sono mai stata, mio malgrado, in Sicilia...

Ma ho pensato che i colori dei prodotti che ci dona questa terra fossero i più adatti a rappresentare quelli dei filati, che ho acquistato per la prossima stagione, i cui toni ho tentato di catturare -malamente- nella fotografia qui accanto...

Dopo aver fatto la foto, ho cercato in internet la ricetta della caponata per usare al meglio le modelle commestibili, le melanzane, le spezie e le cipolle di Tropea -lo so che non sono siciliane!-.

Quelle della foto sono calabresi veraci, così vivide, come le matasse Oxblood Tosh Merino Madelinetosh, quasi avessero assorbito tutto il sole di questa torrida estate.

Estate che ricorderemo nel prossimo inverno nell'Amoroso,  Malabrigo Silky Merino, acceso come la passione ed il fuoco e la lava che esce dall'Etna, Ravelry Red, Malabrigo Worsted.

L'articolo si chiamava in primis, per l'appunto, La caponata di melanzane e per cercare la ricetta mi sono persino perduta a curiosare nell'etimologia della parola melanzana, che è l'ingrediente più importante, visto che dà il nome alla caponata.

Eggplant
, in inglese e nella Malabrigo Sock, colore che ha già spopolato in Knit-House come tinta base per il Mistery Shawi di Stephen West...I colori della Sicilia

Dalla forma araba con l'articolo al-badingian, è derivata la forma francese aubergine. In italiano, Petonciana, mutata poi (per decenza, credo...) in Melangiana e Melanzana.

Si ritiene anche che la parola melanzana sia derivata dalla tradizione popolare che la riteneva, a ragione, una mela insana, in quanto non è possibile mangiarla cruda, poichè contiene una sostanza tossica, la solanina.

Finita questa digressione etimologica, per la quale ringrazio Wikipedia, ritorno tra il materiale trovato alla ricerca della caponata...E tra i miei filati.

Così mi lascio trasportare in uno dei miei viaggi immaginari e virtuali in quest'isola, ricca di contrasti e colori, in cui sono approdate molte dominazioni, ognuna delle quali, al suo passaggio, ha lasciato la sua traccia, in paricolare, un popolo, quello arabo, ha avuto un ruolo determinante nella "cultura" e nelle "colture" della Sicila...

Non me ne voglia chi ha scritto queste nozioni, che uso per il mio viaggio, non mi ricordo dove le ho trovate (ne ho aperte talmente tante di pagine!)...Se lo ritiene opportuno, ci aggiunga -è suo diritto- il link.

...Fra le coltivazioni introdotte dagli Arabi, si ricordano le melanzane....

La Violetta lunga palermitana, è quella che ho fotografato. Ed alla parola Violetta, associo subito il Violetas, Malabrigo Worsted. Il viola, in tutte le sue sfumature, ha occupato un posizione di privilegio -se non di egemonia- tra i miei filati, proprio come le melanzane...

...che da sempre occupano un posto importante sulla tavola dei siciliani, sia nel famoso timballo, sia in altri gustosi piatti...

 
A questo punto, ho pensato, forse qui ci siamo con la ricetta della caponata, invece no, il racconto continua ed è anche interessante tra i tanti  "doni" lasciati dagli arabi...

...E ancora, pesche, albicocche, ortaggi come asparagi e carciofi, il profumatissimo gelsomino...

Qui mi fermo un attimo a sentire il profumo del candido gelsomino (ehm, profumatore per ambienti White Jasmin Zara Home) prima di cominciare il mio viaggio negli speziati...Nel frattempo, colgo un'albicocca, Autumn Jasper, The Road to China Light, la cui mano è talmente morbida e delicata da sembrare una pelle di pesca.

...Spezie come lo zenzero, il garofano, la cannella, lo zafferano e poi ancora il riso e il carrubo...

Devo dire che ce ne sono tante, di queste tonalità speziate in Knit-House...Ne ho scelta qualcuna, come il Bering, Manos Silk Blend, che ha un nome poco rappresentativo del suo caldo color zafferano (quasi tutti i nomi dei filati che ho scelto nel mio viaggio  sono poco evocativi dei loro toni) , lo Spice, Mountain Mohair Green Mountain Spinnery, ed una di quelle matasse che ho fotografato, Ginger, Tosh Merino Madelinetosh, il più speziato tra le lane della Knit-House, sa di curcuma, cumino, cannella...

...Gli Arabi introdussero la coltivazione degli agrumi: aranci, mandarini, limoni dolci o lumie, cedri e bergamotti, dai quali si ricavano essenze dall'intenso bouquet aromatico...

Mi soffermo tra gli aranceti...e gli agrumati. Primavera, Rios Malabrigo, e in questo filato ci sono il mandarino, l'arancia, il bergamotto, tutti insieme. Il cedro...allungo la mano e lo trovo qui, Citrine, Silky Wool Elsebeth Lavold...

...Altre prelibatezze arabe: i pistacchi - famosi quelli di Bronte - le mandorle, in particolare quella di Avola. E poi altre importanti coltivazioni sono: i fichi d'India, gli olivi, che danno vita a un olio eccezionale soprattutto nella provincia di Trapani, dalle varietà Nocellara del Belice...

Un fico d'India in fiore, il colore 95, Kureyon Noro e le piante grasse, Winter Grass, Elsebeth Lavold Silky Wool, le olive e gli ulivi a perdita d'occhio Bronzed Green, sempre Silky Wool  (tra i colori di questo filato si sente un respiro mediterraneo).

Nella Manos Clàsica ci trovo persino una mandorla già tritata, Ceres -boh, forse chi le ha dato questo nome pensava alla birra, ma questa è un'altra storia...-.

....Ma anche uve, fra queste Grillo, Catarratto, Inzolia, Damaschino, Nero d'Avola, Nerello mascalese e Nerello cappuccio...

Sembra di fare una vendemmia tra il Velvet Grapes, Malabrigo Silky Merino  ed il Wine, Hand Maiden, nella cui matassa senti l'odore del mare...

Il mare, il Mediterraneo, con le stelle luccicanti e cadenti...Sogno di una notte di mezza estate...Colore 2267, Beaded Rhapsody and Sequins Art Yarns ...

Poi, finalmente l'ho trovata, incaponita, la ricetta della caponata. Se volete, eccola qui,

La cipolla, le spezie e le melanzane (ed i peperoni)... da questi ingredienti mischiati insieme ne è uscita finalmente la caponata, della quale "il difetto più astruso nella preparazione è l' equilibrare l’agrodolce" -e nella digestione, aggiungo io-.

Aggiungi ai preferiti (1479) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 23146 | Stampa

Commenti (3)
1. 08-09-2011 15:45
Slurp, gnam! 
La Sicilia è bellissima e la sua cucina da leccarsi i baffi :p  
Ma qui, non so se prevale l'acquolina, o il fremito delle dita... che sentono già nuovi fili che scorrono, scorrono.... :zzz
Registrato
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
2. 10-09-2011 07:51
Ah, la Sicilia...ci sono stata di passaggio una volta, a Catania, e poi l'ho molto visitata per mezzo di alcuni romanzi, che mi piace leggere soprattutto perchè ambientati in Sicilia. Spero di visitarla, dal vero, almeno una volta. Questo bellissimo articolo mi ha permezzo di farci un altro viaggio virtuale....
Registrato
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
3. 10-09-2011 19:27
La mia metà sicula, mio padre era di Agrigento, freme nel leggere le tue parole. Amo questa terra così ricca di profumi, sapori e colori. E amo i filati che hai proposto. E' bellissimo perdersi guardando i colori e immaginare già di sentir scorrere tra le dita tanta meraviglia. 
Ah, se vuoi la ricetta della caponata, fa' un fischio. A casa mia non manca mai...
Registrato
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Solo gli Utenti Registrati possono scrivere commenti.
Effettua il Login o Registrati.

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright by Arthur Konze
All rights reserved